PRESTITI E MUTUI PER GLI STRANIERI

 

PRESTITI PER STRANIERI

Le attuali condizioni presenti sul mercato italiano permettono anche agli stranieri di avere un prestito che varia in relazione alla situazione di reddito del richiedente. Le peculiarità principali di tali prodotti sono la presenza di un tasso fisso, ma anche i costi bassi relativi alle spese di istruttoria e la documentazione ridotta da allegare durante la richiesta.

MUTUI PER STRANIERI

Oggigiorno diversi Istituti bancari propongono varie soluzioni di mutuo a seconda dell’identità e della situazione personale del soggetto richiedente:

  • cittadini immigrati: che risiedono in Italia da almeno due anni, con un lavoro fisso da almeno 6 mesi presso la stessa azienda;
  • cittadini stranieri: che non sono stabilmente residenti nel nostro paese.

Ciascuna tipologia richiederà specifici requisiti da soddisfare e una precisa documentazione da corredare. In entrambi i casi è bene ricordare che non tutte le banche sono aperte ad accettare richieste di cittadini stranieri privi di un contratto a tempo indeterminato, in quanto non è garanzia di un reddito costante. In genere soltanto con tale garanzia il piano di ammortamento del mutuo può superare i 20 anni, in caso contrario avrà tipicamente una durata inferiore.

DOCUMENTAZIONE

Per richiedere la tipologia di mutuo per stranieri, è necessario avere determinati requisiti, che attestano la regolare presenza in Italia, e di essere titolare di un posto di lavoro con una retribuzione mensile, che costituisca la garanzia di restituzione del capitale che si richiede per l’acquisto della prima casa. In linea generale, il soggetto cittadino straniero che intende richiedere un mutuo per l’acquisto della prima casa deve, alla data di presentazione della domanda possedere determinati requisiti:

  • essere regolarmente residente in Italia da almeno 2 anni;
  • avere un contratto di lavoro da almeno 6 mesi;
  • possedere il permesso di soggiorno in Italia.